Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Convento di San Giovanni Battista in Canale di Amelia

fondo

Estremi cronologici: 1465 - 1892

Consistenza: Unità 10: bb. 7, fascc. 3

Storia archivistica: Il fondo è stato sistemato nell'ambito del progetto di ordinamento ed inventariazione della sezione "Conventi chiusi" dell'archivio della Provincia Serafica di San Francesco di Assisi dei frati minori in Umbria.
Il progetto, avviato nel 2004, si è concluso l'anno successivo, con la redazione di un inventario analitico dei complessi documentari presenti, a cura di Andrea Maiarelli.
I fondi sono stati prodotti da conventi soppressi nei quali si erano insediati, a partire dal XIII secolo, i frati minori Riformati e i frati minori Osservanti. Le famiglie francescane sono appartenute, nel corso dei secoli, a tre diverse province definitivamente riunite, nel 1946, nella Provincia Serafica di San Francesco di Assisi dei frati minori in Umbria.
La concentrazione presso l'archivio provinciale dei documenti provenienti dai conventi risale almeno al 1614, quando venne costituita una sezione specifica presso il deposito di Santa Maria degli Angeli di Assisi. Da allora, e soprattutto a partire dal secondo dopoguerra, gli archivisti provinciali hanno regolarmente ispezionato i conventi soppressi per trasferirne la documentazione presso l'archivio della Provincia Serafica, allo scopo di garantirne una migliore salvaguardia, nonché agevolarne la consultazione per gli studi sul francescanesimo.
I complessi sono descritti, in inventario, ciascuno come fondo autonomo, in quanto prodotti da singole comunità religiose insediatesi nei conventi con autorizzazione della Provincia stessa.
Poiché la struttura istituzionale dei conventi è uniforme, nell'ordinamento si è scelta una struttura altrettanto omogenea per la documentazione, estremamente frammentaria e molto rimaneggiata. Sono quindi presenti, nell'ordine che segue, il diplomatico, gli atti degli organi di governo e degli organi di controllo, il carteggio, i documenti patrimoniali e amministrativi, gli atti contabili, la documentazione relativa alle sante messe, i necrologi, le cronache e memorie.
Nel 1992 il vice archivista provinciale Angelo Nicacci realizzò il "Catalogo dell'Archivio provinciale", un elenco di consistenza di tipo topografico la cui struttura rispecchiava quella assunta dall'archivio provinciale dopo l'intervento di Luciano Canonici realizzato negli anni Settanta. Tale intervento alterò l'organizzazione originaria delle carte, in particolare quelle che costituivano la sezione "Conventi chiusi".
Nell'"inventario Nicacci" le unità archivistiche qui descritte erano contenute nella busta segnata: sala A, scansia I/a, n. 8.
Nell'inventario realizzato nel 2005, il fondo appartiene alla sezione "Conventi chiusi", sottosezione "Provincia serafica di San Francesco dell'Ordine dei frati minori della più stretta Osservanza - Riformata fino al 1897".


Descrizione: Il fondo contiene una pergamena con la delibera del consiglio speciale della Comunità di Amelia per l'acquisto di alcuni terreni da permutare con il luogo scelto per la costruzione del Convento di San Giovanni Battista (b. 1, 1465); una pergamena con il breve di Paolo II che incarica il vescovo di Amelia di assegnare ai frati Osservanti la Chiesa e del Convento di San Giovanni Battista per istituirvi una comunità religiosa (b. 1, 1469); il carteggio (bb. 3; 1601-1892); gli inventari dei censi e il riepilogo delle entrate (b. 1; 1830-1876); le note e le quietanze (b. 1, 1867-1869); la "Prefazione a notizia del convento di S. Giovanni Battista d'Amelia" (fasc. 1; sec. XVIII); il "Libro nel quale si notano le cose memorabili e più rilevanti di questo convento di San Giovanni Battista della città di Amelia" (fasc. 1; sec. XVIII); i "Trionfi d'Amelia nel martirio et invenzione de' gloriosissimi corpi de' santi Fermina et Olimpiede" (fasc. 1; sec. XVIII).
Si segnala la presenza della pergamena del 1465 del consiglio della Comunità di Amelia, precedente l'istituzione del Convento, avvenuta nel 1469, e di atti fino al 1892, anno successivo alla soppressione del Convento stesso del 1891.

Ordinamento: Individuazione di 4 serie: Diplomatico, Carteggio, Patrimonio e amministrazione, Cronache e memorie.

Informazioni sulla numerazione: Numerazione progressiva 1-10.

Strumenti di ricerca:
Andrea Maiarelli, Provincia Serafica di San Francesco di Assisi dei Frati minori in Umbria. Archivio storico. Inventario della Sezione conventi chiusi (1230-2004)

La documentazione è stata prodotta da:
Convento di San Giovanni Battista in Canale di Amelia

La documentazione è conservata da:
Ordine dei frati minori. Provincia Serafica dell'Umbria


Bibliografia:
L'Archivio storico della Provincia Serafica di San Francesco d'Assisi dei Frati Minori in Umbria. Inventario della Sezione Conventi chiusi (1230-2004), a cura di A. MAIARELLI, Santa Maria degli Angeli di Assisi, Edizioni Porziuncola, 2005, (Convivium Assisiense, Archiva, 2, Collana dell'Istituto Teologico e dell'Istituto Superiore di Scienze religiose di Assisi), 101 - 102

Redazione e revisione:
Robustelli Giovanna, 2008/04/06, prima redazione
Santolamazza Rossella, 2008/12/17, revisione

Modalità di consultazione:
Su richiesta.


icona top