Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Fertimont. Stabilimento di Porto Marghera

fondo

Estremi cronologici: 1920 - 1990

Consistenza: Unità 22852: lucidi 17576, eliocopie 4989, fascc. 287

Storia archivistica: Le vicende del fondo sono legate alle trasformazioni urbanistiche e patrimoniali delle zone in cui sorsero gli impianti. Una volta cessata la produzione dei fertilizzanti negli anni 1996-1997, le aree e gli edifici furono acquisiti da Ive (Immobiliare veneziana), la società che a tutt'oggi gestisce il patrimonio immobiliare del Comune di Venezia. All'interno di tali edifici era conservata una notevole quantità di disegni tecnici originali (su lucido o eliocopia) afferenti ad impianti edili o a singoli manufatti, realizzati su scala generale (1:10.000) o in dettaglio (1:1). Tra il 2001 e il 2002 i disegni tecnici (in parte conservati ancora nei contenitori originali) furono spostati in altra sede e da qui presso un locale adibito ad archivio a Mestre (via Cappuccina, Rampa Cavalcavia). Questa parte del fondo è stata notificata dalla Soprintendenza archivistica per il Veneto come archivio di notevole interesse storico (data della notifica 18 settembre 2006) ed è stata analiticamente censita con uno specifico progetto a cura dell'Università degli Studi di Padova.
Diverse vicissitudini subì l'altra parte dei materiali afferenti a Fertimont, ossia i fascicoli delle pratiche patrimoniali ed edilizie. Questi materiali, infatti, rimasero depositati all'interno di alcuni capannoni venduti da Ive ad un acquirente privato. Nel 2009 quest'ultimo, dovendo svuotare i capannoni per procedere al loro smantellamento, ha fatto donazione dei materiali documentari lì depositati alla Fondazione Pellicani che ha provveduto a trasferirli presso l'Archivio generale del Comune di Venezia, secondo gli accordi contenuti nel Protocollo d'intesa sottoscritto nel 2009

Descrizione: Si tratta dell'archivio tecnico in quanto raccoglie la documentazione (disegni e relative pratiche) prodotta tra il gli anni '20 e gli anni '90 nel settore della produzione di fertilizzanti e prodotti chimici per l'agricoltura nell'area industriale di Porto Marghera. Tale produzione venne realizzata inizialmente da Montecatini e da Vetrocoke, imprese poi convogliate nel gruppo Montedison e nelle sue diverse divisioni specializzate.
L'archivio è costituito da due differenti tipologie di documentazione che rappresentano le due principali serie:
1. «Progetti di impianti, edifici, macchinari»
2. «Pratiche edilizie e patrimoniali»
All'interno di ciascuna di queste due serie la documentazione è stata poi descritta secondo il criterio originario di classificazione (cfr. Elenco disegni UTL, 1993), vale a dire a partire dalle aree nelle quali erano ubicati gli impianti.
La prima zona industriale nord è stata ulteriormente suddivisa nelle tre aree in cui sorsero gli stabilimenti:
- «Complessi»
- «Ceneri»
- «Feltrinelli»
La prima zona industriale ovest è stata ulteriormente suddivisa in:
- «Azotati»
- «Fosfati».

Strumenti di ricerca:
Foscara Porchia, Fertimont. Stabilimento di Porto Marghera. Inventario

Strumenti di ricerca interni al fondo: - Elenco disegni UTL selezionati per area, reparto, impianto, apparecchi, Ufficio tecnico e lavori" (1993)

La documentazione è stata prodotta da:
Fertimont. Stabilimento di Porto Marghera

La documentazione è conservata da:
Comune di Venezia. Archivio generale


Redazione e revisione:
Pozzan Annamaria, 2014/08/08, prima redazione


icona top