Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Borsi Averardo

fondo

Estremi cronologici: 1890 - 1905

Consistenza: Unità 22: Lettere 22

Storia archivistica: Le carte Borsi conservate presso l'Archivio di Stato di Livorno facevano parte, assieme a una lettera di Leopoldo II e ad altri carteggi, della "Raccolta Costantini", proveniente da Pisa e rinvenuta nel 1972 presso la Galleria Vangelisti di Lucca, dove era in vendita al pubblico. La Sovrintendenza Archivistica ne dispose l'acquisto, destinando poi la lettera leopoldina all'Archivio di Stato di Firenze e il resto dei documenti all'Archivio di Stato di Livorno.
Nella "Raccolta Costantini" si trovavano anche alcuni carteggi appartenuti ad esponenti del mondo culturale risorgimentale o immediatamente posteriore, non solo nell'ambito cittadino, quali per esempio Dario Cassuto, celebre giurista e avvocato della Sinistra democratica postrisorgimentale, Angelo De Gubernatis e Ottaviano Targioni Tozzetti, intellettuali e scrittori, per informazioni circa i quali si rimanda alle apposite schede: all'atto del riordino, infatti, ognuno dei carteggi è stato scorporato per essere successivamente inserito, con numerazione propria, nel complesso inventariale "Archivi di famiglie e persone". Si segnala inoltre la presenza di tre lettere di Averardo Borsi a Salvatore Orlando nel carteggio del fondo omonimo, anch'esso presso l'Archivio di Stato di Livorno.

Descrizione: - Corrispondenza: 22 lettere da parte di esponenti sia del mondo politico che culturale: fra questi spiccano i nomi di Urbano Rattazzi (discendente dell'omonimo statista risorgimentale) e G. Marradi assieme ad altri di non minor prestigio; l'arco cronologico va dal 1890 al 1905.

Ordinamento: La raccolta, 22 lettere indirizzate ad Averardo Borsi dal 1890 al 1905, è inserita nel complesso "Archivi di famiglie e persone diverse", nel quale sono riuniti tutti gli archivi familiari e le raccolte a carattere privato, e compare in inventario al n. 13.

Strumenti di ricerca:
Archivi di famiglie e persone diverse

La documentazione è stata prodotta da:
Borsi Averardo

La documentazione è conservata da:
Archivio di Stato di Livorno


Bibliografia:
A. COJAZZI, "Giosuè Borsi", Torino, SEI, 1920

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Lenzi Marco, revisione
Morotti Laura, 2011/11, rielaborazione

Modalità di consultazione:
Accessibilità: liberamente consultabile presso l'Istituto, in orario di apertura al pubblico.


icona top