Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti produttori

Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Istituto nazionale di documentazione per l'innovazione e la ricerca educativa - INDIRE

Museo didattico nazionale, 1929-1937
Museo nazionale della scuola, 1937-1941
Centro didattico nazionale, 1941-1953
Centro didattico nazionale di studi e documentazione, 1953-1976
Biblioteca di documentazione pedagogica, 1976-1999
Istituto nazionale di documentazione per l'innovazione e la ricerca educativa - INDIRE, 2000-2007
Agenzia nazionale per lo sviluppo dell'autonomia scolastica, 2008-2011

Palazzo Gerini, via Buonarroti 10
50122 Firenze (Firenze)

Telefono: 0552380301
Fax: 0552380395
E-mail: p.giorgi@indire.it

Siti web:
Istituto Nazionale di Documentazione per l'innovazione e la ricerca educativa

Tipologia: ente di istruzione e ricerca

L'Indire nasce nel 1925 a Firenze come Mostra didattica nazionale sui prodotti delle scuole "nuove", quelle che realizzavano l'idea di Giuseppe Lombardo Radice di una didattica intesa come esperienza "attiva". Nel 1929, per dare una sede permanente alla Mostra, viene istituito il Museo Didattico Nazionale che nel 1941 diviene Centro Didattico Nazionale (CDN), nel 1953 Centro Didattico Nazionale di Studi e Documentazione (CDNSD) e nel 1974 Biblioteca di Documentazione Pedagogica (BDP). Durante gli anni Ottanta, la Biblioteca è stata protagonista di un pionieristico utilizzo delle tecnologie digitali che ha rivoluzionato l'idea stessa di documentazione didattica, facendone un innovativo motore di diffusione della conoscenza. Nel 1995, l'anno dell'avvento di Internet, inizia un'opera di supporto alle scuole per un utilizzo più intenso e consapevole della Rete. Nel 1999 l'ente progetta e realizza il primo percorso di formazione interamente online rivolto ai docenti. Nel 2001 la BDP diviene Indire, Istituto Nazionale di Documentazione per l'Innovazione e la Ricerca Educativa. Nel periodo 2001-2011, l'Isituto è impegnato in grandi iniziative online per la formazione degli insegnanti italiani e nella promozione dell'innovazione tecnologica e didattica nelle scuole. Nel 2007, con la Legge 296/2006, l'Indire diviene Ansas, Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica. In base poi a quanto stabilito dall'art.19 del Dl. 98/2011 convertito con modificazioni dalla Legge 111/2011, dal 1 settembre 2012 viene ripristinato l'Indire. L'Ente ha mantenuto sempre la stessa sede: dal 1925 si trova nel centro di Firenze, nel quartiere di Santa Croce, all'interno del rinascimentale Palazzo Gerini, ristrutturato tra il 1937 e il 1941 dall'architetto Giovanni Michelucci che ne ha progettato anche gli arredi interni.
Complessi archivistici detenuti:
Il patrimonio documentario è composto da fondi estranei alle vicende dell'Ente, ma strettamente connessi alle tematiche pedagogiche, ed è suddiviso in:
- 3 fondi speciali legati alla didattica: materiali scolastici, mostra internazionale del giornalino scolastico e concorsi di disegno;
- 8 otto archivi di personalità: Giuseppe Fanciulli, Luigi Bertelli, Arturo Linacher, Francesco Bettini, Giuseppe Lombardo Radice, Ottavio Gigli e Gianni Cavalcoli;
- 5 archivi familiari: Gizdulich, Farina, Grumelli, Sacchi-Simonetta e Neppi-Modona;
- 1 archivio didattico del maestro Giuseppe Caputo con la documentazione proveniente dall'archivio della Regia Scuola Secondaria di avviamento professionale «Antonio Meucci» di Lastra a Signa, Firenze
- un archivio fotografico di 14 mila immagini storiche di vita scolastica provenienti da tutto il territorio nazionale dalla fine del XIX secolo e agli anni Sessanta del XX secolo.

Complessi archivistici:
Bertin Giovanni Maria (fondo)
Bettini Francesco (fondo)
Borghi Lamberto (fondo)
Broccoli Angelo (fondo)
Cives Giacomo (fondo)
Filograsso Nando (collezione / raccolta)
Izzo Domenico (fondo)
Laeng Mauro (fondo)
Laporta Raffaele (fondo)
Lombardo Radice Giuseppe (fondo)
Massa Riccardo (collezione / raccolta)
Pescioli Idana (fondo)
Valeri Mario (collezione / raccolta)


Bibliografia:
Istituto nazionale di documentazione per l'innovazione e la ricerca educativa, "Scheda bio-bibliografica di INDIRE", a cura di JURI MEDA, Firenze, INDIRE, 2004 (edizione fuori commercio), pp. 32, pp. 32, 1-3

Redazione e revisione:
Capannelli Emilio, revisione
Gentile Carlotta, 2017/11, integrazione successiva
Giorgi Pamela, 2010, prima redazione
Morotti Laura, 2017/12, revisione


icona top