Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori » Soggetto conservatore

Comune di Bologna. Museo internazionale e biblioteca della musica

Civico museo bibliografico musicale, 1959 - 2004

Strada Maggiore, 34
40125 Bologna (Bologna)

Telefono: 0512757711
Fax: 0512757728
E-mail: bibliotecamusica@comune.bologna.it

Siti web:
Museo e biblioteca della musica
Museo e biblioteca della musica. Progetti di digitalizzazione e documenti consultabili on line
Museo e biblioteca della musica. Strumenti di supporto alla ricerca

Tipologia: ente pubblico territoriale

Il Museo nasce con il nome di Civico museo bibliografico musicale nel 1959 per custodire le collezioni di beni musicali, quadreria e patrimonio bibliografico del Comune di Bologna allorché il locale Liceo musicale fu trasformato in conservatorio statale. Nel 2004, con l'inaugurazione della sede museale di Palazzo Sanguinetti, assume la nuova denominazione di Museo e biblioteca della musica. L'istituto infatti è suddiviso in due sedi: quella museale, in Strada Maggiore 34, che conserva un'ampia selezione di musica manoscritta e a stampa, dipinti, strumenti musicali; e la biblioteca, nell'ex Convento di San Giacomo in locali annessi al Conservatorio di musica Martini, dove sono consultabili la maggior parte del materiale bibliografico e l'archivio storico.
Numerosi gli strumenti di supporto alla ricerca on line che grazie al sostegno e alle collaborazioni con enti pubblici e privati sono a disposizione degli utenti: il catalogo degli strumenti musicali contenente le schede relative agli strumenti musicali attualmente esposti e conservati al Museo; il catalogo Gaspari, contenente le schede relative al patrimonio bibliografico fino al 1904 per le opere manoscritte e a stampa e fino al 2004 per i libretti d'opera; il catalogo della quadreria contenente le informazioni e le immagini dei 319 dipinti conservati presso il museo; il catalogo dei carteggi.
Altri importanti strumenti di ricerca, in formato pdf, sono consultabili dal sito dell'Istituto: tra gli altri una bibliografia generale sulla biblioteca, le attuali collocazioni dei codici martiniani, la corrispondenza delle segnature non più in uso dei manoscritti musicali con quelle attuali, l'indice dei nomi citati dell'epistolario martiniano, i timbri della biblioteca del liceo musicale, i cataloghi di vendita italiani e stranieri, prevalentemente ottocenteschi di raccolte private di librerie antiquarie ecc.
Infine notevoli i progetti di digitalizzazione attivati dalla fine degli anni Novanta e inizio Duemila: le antologie di musica profana a stampa del Cinque e Seicento; i due manoscritti Q.15 e Q.11, sillogi polifoniche, all'interno del progetto Digital Image Archive of Medieval Music (DIAMM); manoscritti liturgici nell'ambito delle attività promosse dalla Biblioteca digitale italiana (BDI); l'epistolario martiniano; i libretti per musica italiani degli anni 1770-1830 nell'ambito del Progetto Corago e infine la digitalizzazione delle opere più rilevanti dell'enorme patrimonio musicale bolognese.

La biblioteca è aperta al pubblico tutte le mattine dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e il mercoledì pomeriggio dalle ore 14.00 alle ore 17.00. Per il regolamento e le modalità di accesso si consulti il sito web della biblioteca.


Complessi archivistici:
Liceo comunale di musica di Bologna (fondo)
Martini Giambattista (fondo)
Teatro comunale di Bologna (fondo)


Bibliografia:
Museo internazionale e biblioteca della musica. Guida al percorso espositivo, a cura di L. BIANCONI e P. ISOTTA, Bologna, Comune, 2006

Redazione e revisione:
Cioffi Valentina, 2011/10/15, prima redazione
Menghi Sartorio Barbara, 2011/11/25, integrazione successiva
Menghi Sartorio Barbara, 2011/11/26, rielaborazione


icona top