Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetti conservatori

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti conservatori » Soggetto conservatore

Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della provincia di Modena

viale Ciro Menotti, 137
41100 Modena (Modena)

Telefono: 059219442
Fax: 059214899
E-mail: istituto@istitutostorico.com

Siti web:
Istituto storico Modena

Tipologia: ente di cultura, ricreativo, sportivo, turistico

L'Istituto si è costituito il 18 novembre del 1950 su iniziativa di esponenti della Resistenza modenese ed è a tutt'oggi attivo. Secondo lo Statuto del 2009 si propone di conservare e valorizzare il patrimonio documentale, sviluppare la ricerca, l'attività didattica, l'iniziativa culturale e la riflessione pubblica sui temi riguardanti la storia e la memoria del Novecento, con particolare riferimento alle vicende dell'antifascismo e alla lotta di Liberazione.
E' associato all'Istituto nazionale per la storia del Movimento di Liberazione in Italia "Ferruccio Parri" (INSMLI), con cui condivide la programmazione culturale degli eventi, pur mantenendo la propria autonomia giuridica, scientifica, funzionale e gestionale. Nel 1950 la prima sede fu collocata presso il Comune di Modena (ufficio del Sindaco); dopo vari spostamenti nel 2006 si è trasferito in quella attuale in viale Ciro Menotti 137.
La sezione dell'Archivio storico venne fondata nel 1957 e ad oggi è costituita da 120 fondi documentari suddivisi in quattro settori: partiti e organizzazioni sindacali, associazioni, fondi privati, documenti in copia provenienti da altri archivi. Nel 2003 l'Istituto è stato promotore insieme al Centro culturale F. Luigi Ferrari e al Centro documentazione donna di Modena del progetto "Archivi@. Rete degli archivi modenesi del '900" grazie al quale sono stati avviati interventi di riordino di alcuni fondi con la redazione dei relativi inventari. Nel 2007 ha aderito al progetto ArchiviaMO promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, che ha permesso di proseguire l'attività di riordino della documentazione conservata. Partecipa ad "Archivi del Novecento", una rete nazionale di Istituti conservatori di fonti del Novecento.
L'Istituto conserva anche raccolte di manifesti e opuscoli, oltre ad un ingente archivio fotografico (circa 43.000 immagini).

Per gli orari di apertura dell'archivio, le modalità di accesso e consultazione si rinvia al sito web dell'Istituto.

Complessi archivistici:
Camera del lavoro - CdL provinciale di Modena. Commissione femminile (fondo)
Comitato di liberazione nazionale - CLN della montagna (fondo)
Corpo volontari della libertà - CVL. Comando unico partigiano. (Istituto storico di Modena) (complesso di fondi / superfondo)
Partito Comunista Italiano - PCI. Federazione provinciale di Modena. Commissione femminile (fondo)
Rossi Gabriella (fondo)
Vaccari Ilva (fondo)


Redazione e revisione:
Menghi Sartorio Barbara, 2016/03/01, supervisione della scheda
Verrini Sara, 2014/03/19, prima redazione
Xerri Maria Lucia, 2015/10/12, revisione


icona top