Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Soggetti produttori - Enti » Soggetto produttore - Ente

Ente gestione e liquidazione immobiliare - EGELI

Sede: Roma
Date di esistenza: 1939 feb. 9 - 1957

Intestazioni:
Ente gestione e liquidazione immobiliare - EGELI, Roma, 1939 - 1957, SIUSA

L'Ente gestione e liquidazione immobiliare con sede in Roma fu costituito con il Rdl del 9 febbraio 1939 n. 126, provvedimento applicativo della tristemente nota legge 17 novembre 1938 n. 1728 "Provvedimenti per la difesa della razza italiana", per acquisire, gestire e rivendere i beni sottratti agli ebrei. Stabiliti "i limiti di proprietà immobiliare e di attività industriale e commerciale" consentiti ai "cittadini italiani di razza ebraica", la normativa prevedeva l'incameramento da parte dello Stato della cosiddetta "quota eccedente", affidando all'Intendenza di finanza il compito di decretare il trasferimento dei beni all'EGELI. Lo statuto dell'EGELI fu approvato con il Rdl 27/3/1939 n. 665. In seguito l'EGELI estese le proprie competenze ai sequestri dei beni esattoriali (legge 16 giugno 1939 n. 942, art. 17) e, con l'ingresso dell'Italia in guerra, ai sequestri dei beni degli stranieri di nazionalità nemica in base alla legge 19 dicembre 1940, n. 1994, art. 20 che modificava e integrava la legge italiana di guerra promulgata nel 1938 (RD 8 luglio 1938 n. 1415). L'occupazione italiana di territori francesi, avvenuta nel giugno 1940, comportò il sequestro dei beni di cittadini di nazionalità nemica diversa da quella francese, secondo quanto disposto dal bando di Mussolini pubblicato a Mentone il 31 agosto 1941. Dopo l'8 settembre 1943 l'EGELI fu trasferito al Nord, a San Pellegrino Terme, dove assunse anche la gestione delle aziende industriali e commerciali dichiarate nemiche (dl 4 gennaio 1944 n.1) mentre la Repubblica di Salò, presente l'esercito di occupazione tedesco, inaspriva le misure contro gli ebrei, stabilendo la confisca totale delle loro proprietà, con possibilità di utilizzare in prima istanza il sequestro (dl 4 gennaio 1944 n. 2). L'EGELI fu pertanto riformato con un nuovo statuto (dl 31 marzo 1944, n. 109). Contemporaneamente il Regno d'Italia reintegrava i "cittadini italiani e stranieri già dichiarati di razza ebraica o considerati di razza ebraica" nei diritti civili e politici (rdl 20 gennaio 1944 n. 25) e nei diritti patrimoniali (rdl 20 gennaio 1944 n. 26) e revocava "i provvedimenti e delle misure adottati in materia di beni appartenenti agli Stati delle Nazioni Unite, nonché alle persone fisiche e giuridiche, aventi la nazionalità degli Stati stessi" (dll 1/2/1945 n. 36 poi integrato dal dll 26 marzo 1946 n. 140). La restituzione dei beni degli stranieri fu successivamente oggetto del trattato di pace tra l'Italia e le potenze alleate. Dopo la Liberazione anche nel Nord Italia furono posti sotto sequestro i beni germanici in base al comunicato della Presidenza del Consiglio dei ministri, pubblicato sulla G.U. n. 5 del 1 gennaio 1945, nel quale la Germania veniva dichiarata Stato nemico. La questione dei beni tedeschi fu oggetto del memorandum d'intesa siglato il 14 agosto 1947 a Washington tra l'Italia e le potenze alleate, approvato con dl 3 febbraio 1948 n. 177, cui fecero seguito il dpr 8 luglio 1957 n. 914 e il dpr 14 aprile 1962, n. 1263.
L'EGELI fu sciolto nel 1957 ma la liquidazione, affidata al Ministero del Tesoro - Ufficio liquidazioni della Ragioneria Generale dello Stato si protrasse fino al 1997.

Condizione giuridica:
pubblico

Tipologia del soggetto produttore:
stato

Soggetti produttori:
Ente gestione e liquidazione immobiliare - EGELI Servizio Gestioni della Compagnia di San Paolo, dipendente

Complessi archivistici prodotti:
Ente Gestione Liquidazione Immobiliare - EGELI Servizio Gestioni (fondo)


Redazione e revisione:
Bonzanino Paola, 2018/05/25, prima redazione
Caffaratto Daniela, 2018/10/1, supervisione della scheda


icona top