Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Creators

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Persons » Creator - Person

Andreani Aldo

Mantova 1887 - Milano 1971

Architetto

Headings:
Andreani, Aldo, architetto, (Mantova 1887 - Milano 1971), SIUSA

Aldo Andreani intraprende gli studi di Architettura Civile presso il Regio Istituto Tecnico Superiore (poi Politecnico) di Milano, e li conclude laureandosi nel 1917; il suo curriculum dattiloscritto annovera il conseguimento del diploma in Architettura presso l'Accademia di San Luca a Roma e la successiva frequenza del Corso Speciale di Scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Milano (1926-28). Ancora studente inizia la propria attività professionale con il progetto di Villa Zanoletti a Volta Mantovana (1909), una rilettura personale del medievalismo boitiano; durante il successivo soggiorno romano collabora alla realizzazione del padiglione lombardo all'Esposizione romana del 1911, cui segue la costruzione della Camera di Commercio di Mantova (1911-14), poi inserita nell'elenco dei Monumenti Nazionali. Nel primo dopoguerra si stabilisce definitivamente a Milano ed avvia una brillante carriera all'insegna del ruolo "dell'architetto-artista", esplicitato dalle costruzioni ideate per il piano di edificazione della vasta area a giardino Sola Busca: il palazzo di via Serbelloni 10 (1925-27), l'Esedra e la Villa Rasini (1926-30), Casa Zanoletti (1926), nonché Palazzo Fidia (1929-32). Con gli anni Trenta inizia il declino della sua fortuna professionale; dal secondo conflitto mondiale in poi è delegato della Soprintendenza ai Monumenti di Verona per Mantova e provincia e si occupa di restauro nella sua città natale, progettando il restauro del Palazzo del Podestà o Broletto (1939-44), restaurando il Palazzo della Ragione e Torre dell'Orologio (1940-42) e il convento di San Francesco (1943-44), distrutto poi da un bombardamento aereo nel 1945. Ad essi segue lo studio per la trasformazione della Porta Giulia di Giulio Romano in Cittadella a Mantova nel 1947.

Notizie tratte da: "Gli archivi di architettura in Lombardia. Censimento delle fonti", a cura di G.L. Ciagà, edito nel 2003 dal Centro di Alti Studi sulle Arti Visive, con la collaborazione della Soprintendenza archivistica della Lombardia e del Politecnico di Milano.

Generated archives:
Andreani Aldo (fondo)


Bibliography:
Aldo Andreani 1887-1971 opere e progetti, in "Rassegna di architettura e di urbanistica", n° 65/66 (numero monografico), 1988
Aldo Andreani 1909-1945, in "Rassegna", n° 33 (numero monografico), 1988
Angelo Torricelli, Aldo Andreani: le opere e i progetti di architettura a Milano tra le due guerre, s.l., s.d. DEAU, 1968, I, pp. 108-109; Garzanti, 1996, p. 34; Allemandi, 2000, I, p. 81
Enrico Somaré (a cura di), Aldo Andreani: architetto scultore, Arti grafiche Pizzi e Pizio, Milano, 1937

Editing and review:
Doneda Cristina, 2005/02/28, prima redazione


icona top