Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Guided search » Creators - Persons » Creator - Person

de Rostolan Michele

1916 - 1978 lug. 31

conte

Headings:
de Rostolan, Michele, conte, (1916 - 1978)

Michele de Rostolan, nacque in una famiglia numerosa, di sei figli, da Felice (? - 1931), conte di Rostolan, e da Maria Antonietta de Hédouville (? - 21 ottobre 1918).
All'età di due anni rimase orfano della madre, vittima nel 1918 della terribile febbre spagnola.
Dopo la scomparsa di Maria Antonietta, il padre Felice, già in gravi difficoltà economiche per la distruzione causata dalla guerra della sua fabbrica di cicoria torrefatta e afflitto dai postumi del servizio militare prestato al fronte, cadde in depressione.
Michele, assieme al fratello Luigi (1912 - 1924), venne perciò affidato dal nonno, il barone Gaston de Hédouville, alle cure di Caterina de Torcy Fournier d’Espagnac (1879 - 1957), amica della defunta Antonietta.
La Contessa crebbe Michele e Luigi come figli nell'abitazione parigina di via dell'Université, portandoli con sé a Badia Polesine (Rovigo) durante i soggiorni estivi e le visite alle proprietà di famiglia.
Nel 1942 Michele sposò Elena Merceron-Vicat, appartenente a una ricca famiglia di industriali del cemento di Grenoble, da cui ebbe quattro figli: Luigi, Christian, Domenico e Umberto.
Alla morte di Caterina de Torcy Fournier d'Espagnac, nel 1957, Michele ereditò i possedimenti dell'ex Abbazia di Santa Maria della Vangadizza a Badia Polesine a cui era legato da profondo e sincero affetto.
Appassionato d'arte, il Conte de Rostolan profuse ogni sforzo per la salvaguardia e la valorizzazione sia del complesso abbaziale, con interventi di manutenzione e restauro, sia dell'unito archivio dell'Abbazia.
Fu presidente onorario del Sodalizio Vangadiciense di Badia Polesine, nominato dai fondatori il giorno stesso dell’istituzione del Comitato (15 settembre 1970).
Il 14 settembre 1972 ospitò nei locali dell'Abbazia il primo convegno di studi storici vangadiciensi, tenutosi alla presenza del patriarca Albino Luciani e presieduto da padre Giuseppe Cacciamani, archivista del Sacro Eremo di Camaldoli. In quell'occasione annunciò di voler donare al Sodalizio i documenti dell'archivio abbaziale, di cui agevolò il recupero da parte di Guido Mora, presidente del Sodalizio, nei vari luoghi in cui erano sparsi, comprese le residenze francesi della famiglia.
Nel 1977 Michele de Rostolan suggellò l'elettivo e secolare rapporto stretto con il centro polesano dai parenti acquisiti d'Espagnac con la donazione ufficiale dell'archivio dell'Abbazia della Vangadizza al Sodalizio Vangadiciense.
Si spense l'anno dopo, il 31 luglio.


Creators:
d'Espagnac, collegato
de Torcy Fournier d'Espagnac Caterina, collegato, 1918 - 1957

Generated archives:
Abbazia di Santa Maria della Vangadizza e famiglia d'Espagnac (complesso di fondi / superfondo)


Editing and review:
Mariani Ilaria, 2020/04/15, prima redazione
Rocco Patrizia, 2020/07/07, supervisione della scheda


icona top