Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Home » Ricerca guidata » Indice dei fondi » Complesso archivistico

Govi Gilberto

fondo

Estremi cronologici: 1917 - 1976

Consistenza: buste, cartelle, scatole, album

Storia archivistica: Gilberto Govi, nome d'arte di Amerigo Armando Gilberto Govi (Genova, 22 ottobre 1885 - Genova, 28 aprile 1966), è stato un attore italiano, fndatore del teatro dialettale genovese.
Il fondo a lui intitolato è arrivato al Civico Museo Biblioteca dell'Attore di Genova nel 2016 per lascito testamentario della moglie Rina Govi, che volle destinare a questa istituzione lo studio con tutti gli arredi, le carte, le fotografie e gli oggetti appartenuti al celebre attore.
Il fondo documentario, in buono stato di conservazione, è tuttora condizionato in buste, cartelle, scatole e album così come è stato depositato e l'unico strumento di corredo disponibile è rappresentato da due quaderni manoscritti, che si posseggono solo in fotocopia, redatti probabilmente da Rina Govi, in cui sono elencati tutti i beni che costituiscono il fondo.

Descrizione: Per la modalità con cui è stato redatto l'elenco che accompagna il fondo, è difficile dare una precisa quantificazione della documentazione esclusivamente archivistica che si può comunque misurare in circa 2 ml.
Il materiale, datato tra 1917 e il 1976, è costituito da circa 300 fotografie, 94 copioni, corrispondenza, ritagli stampa, disegni, autografi, caricature eseguite dallo stesso Govi, programmi di sala, locandine e manifesti, nastri e dischi incisi da Govi.

Strumenti di ricerca interni al fondo: Elenchi manoscritti in fotocopia

La documentazione è stata prodotta da:
Govi Gilberto

La documentazione è conservata da:
Civico Museo Biblioteca dell'Attore del Teatro Stabile di Genova


Redazione e revisione:
Mezzani Donatella, 2018/11/27, revisione
Romano Antonio Salvatore, 2017/09/12, prima redazione


icona top