Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

Colonna con sottomenu di navigazione


immagine

Contenuto della pagina


Guida on-line agli archivi non statali
Menu di navigazione

Gli archivi dell'Umbria

SIUSA - Gli archivi dell'Umbria costituisce un punto di accesso primario per una ricerca ad ampio raggio del patrimonio archivistico non statale a livello regionale.

Esso è parte integrante del SIUSA, Sistema Informativo Unificato delle Soprintendenze Archivistiche che, sviluppato dalla Direzione Generale per gli Archivi in collaborazione con la Scuola Normale Superiore di Pisa, descrive il patrimonio archivistico pubblico e privato conservato al di fuori degli Archivi di Stato italiani e sul quale si esercita l'attività di tutela dello Stato.
Il SIUSA è nato dalla rielaborazione di Anagrafe informatizzata degli archivi italiani, il sistema informativo promosso dall'Amministrazione archivistica nei primi anni Novanta del Novecento, in un nuovo modello di rappresentazione degli archivi che, facendo riferimento agli standard internazionali di descrizione archivistica ISAD (G), ISAAR (CPF) e ISDIAH, si basa su un'architettura che prevede descrizioni separate, ma tra loro correlate, dei complessi archivistici e dei loro soggetti produttori e conservatori, includendo anche descrizioni di strumenti di ricerca, tipologie documentarie, contesti storico-istituzionali, profili istituzionali, ambiti territoriali.

La Soprintendenza archivistica per l'Umbria, a partire dal 2004, si è impegnata nello sviluppo del SIUSA popolandolo con i dati relativi al ricco patrimonio archivistico locale, desunti da fonti inventariali e strumenti di ricerca di ogni tipo già esistenti e da censimenti realizzati proprio allo scopo di arricchire la conoscenza e la descrizione di tale patrimonio documentario.
All'attività, coordinata dalla funzionaria Rossella Santolamazza, hanno preso parte tutti i funzionari della Soprintendenza ed archivisti esterni.

Nel SIUSA - Gli archivi dell'Umbria sono descritti oltre 3000 complessi archivistici (superfondi e fondi di primo livello), circa 4300 soggetti produttori, circa 850 soggetti conservatori, più di 1700 strumenti di ricerca.

Si tratta, in particolare, di complessi archivistici prodotti dai seguenti soggetti:
  • associazioni di mutuo soccorso
  • associazioni ricreative e sportive
  • aziende unità sanitarie locali (AUSL) ed istituzioni sanitarie
  • camere di commercio
  • comunanze agrarie
  • comuni e comunità preunitarie, comunità montane ed associazioni di comuni
  • confraternite
  • consorzi pubblici e privati
  • enti ed istituti culturali pubblici e privati
  • enti regionali e provinciali
  • famiglie e persone
  • imprese industriali, commerciali ed aziende agrarie
  • istituti bancari
  • istituzioni pubbliche e private di assistenza e beneficenza
  • istituzioni scolastiche
  • ordini e collegi professionali
  • organizzazioni sindacali e partiti politici
  • parrocchie, conventi, uffici diocesani e capitolari
  • uffici statali e di enti pubblici soppressi i cui complessi sono conservati presso i comuni e presso la Regione Umbria: es. archivi notarili, Guardia nazionale, Stato civile, uffici di conciliazione.
SIUSA - Gli archivi dell'Umbria è soprattutto una guida ai superfondi, fondi, subfondi, serie.

Dalla sezione Inventari on line è però possibile consultare, a partire dalle schede degli strumenti di ricerca, anche singole descrizioni inventariali, frutto della lunga attività di ordinamento ed inventariazione realizzata dai funzionari della Soprintendenza archivistica per l'Umbria o da archivisti esterni con finanziamenti della Direzione generale per gli Archivi e della Regione Umbria, ma anche di enti pubblici locali e di privati.
Parte degli inventari pubblicati nel SIUSA - Gli archivi dell'Umbria è inoltre consultabile nel sistema regionale .DOC-Polo Informativo Archivi Umbri, nell'apposita sezione Sfoglia inventari, dove essi sono visualizzati per soggetto conservatore degli archivi cui si riferiscono.

icona top